Via Amerina

Via Amerina

Itinerari, storia e natura

La Via Amerina è uno dei luoghi simbolo dell'Agro Falisco. Nel suo percorso, da nord  a sud, costeggia tutti i borghi che incontrerai in questa terra. Da lei si diramano vari sentieri che si addentrano nel verde incontaminato dei boschi e nascondono necropoli e misteriosi ruderi.
La caratteristiche uniche di questa strada, che procede tra ponti e tagliate, la rendono una delle prime importanti architetture dell’espansionismo romano. È oggi una delle strade meglio conservate dell’Etruria Meridionale.

Basolato della via Amerina

Basolato della via Amerina

Necropoli Cavo degli Zucchi

Necropoli Cavo degli Zucchi

Tombe della Necropoli di Cavo Degli Zucchi

Tombe della Necropoli di Cavo Degli Zucchi

Torrente Rio Maggiore

Torrente Rio Maggiore

Amerina ti dà il benvenuto

Il valore che questa strada rappresenta per noi e per l’Agro Falisco è stato infuso nell’avatar di Amerina. La donna falisca, che prende il nome dalla via, vi accompagnerà durante la navigazione in questo sito; vi darà consigli per la visita e le curiosità da sapere.

amerina-agro-falisco
amerina-agro-falisco

L’antica via

La Via Amerina viene costruita nel IV secolo a. C., durante l’espansionismo romano. La strada, che arriva fino ad Amelia, viene completata dopo la distruzione della capitale falisca Falerii Veteres, nel 241 a.C.
I Romani costruiscono questa strada distaccata dai principali insediamenti falisci, per escluderli e impedire nuove rivolte. Nello stesso periodo costruiscono la città di Faleri Novi, in cui vengono trasferiti i Falisci. Faleri Novi si trova su un territorio pianeggiante, quindi più facile da controllare; al contrario di Falerii Veteres che è arroccata su uno sperone di tufo. La città è attraversata dalla Via Amerina, di cui è il cardo.
La struttura indica la volontà dei Romani di rivalutare il territorio. È la prima strada che procede in linea retta, mentre le altre seguono la morfologia dell’ambiente. Ponti e tagliate scavate nel tufo permettono di attraversare le forre e abbreviare le distanze.

 

La Necropoli del Cavo degli Zucchi

Quella del Cavo degli Zucchi è la più grande necropoli falisca esistente. Un luogo suggestivo, pieno di fascino e mistero. Perfetto per chi ama le escursioni, l’aria aperta e i luoghi da esplorare. La necropoli è a pochi chilometri da Fabrica di Roma ed è vicina a Faleri Novi, qui la Via Amerina è visibile e in perfetto stato.
La tombe sono scavate sulle pareti della tagliata che costeggia la strada. Notevoli le Tombe della Regina. Tanti i reperti trovati durante gli scavi, oggi in parte esposti al Museo Nazionale dell’Agro Falisco.

 

Il corridoio bizantino

La Via Amerina ha un ruolo centrale durante le invasioni barbariche tra il V e il X secolo d.C.. I Longobardi invadono la penisola e Roma si trova stretta tra il Ducato di Spoleto a Sud e il Regnum Longobardorum a Nord. La battaglia tra i Bizantini e i Longobardi si gioca lungo la Via Amerina, che costituiva l’unico ponte rimasto tra Roma e l’Esarcato di Ravenna (Bizantini). Da qui il nome di “Corridoio bizantino”. Le vicende politiche dei secoli seguenti pongono fine alle mire espansionistiche dei Longobardi, e portano alla scissione della Chiesa di Roma dall’Impero Bizantino.
Con il passare del tempo la Via Amerina perde importanza e le popolazioni tornano a vivere nei più protetti insediamenti preromani. Oggi la via millenaria rappresenta uno dei cammini romani, il luogo perfetto per scoprire l’Agro Falisco.

 

 

Segui il cammino dell’antica Via Amerina, un percorso pieno di incantevoli bellezze, tra monumenti e natura. L’Agro Falisco ti aspetta!

Dov'è la via Amerina

Dal parcheggio, l'accesso alla via Amerina verso il Cavo degli Zucchi è circa 500 metri più avanti, in direzione Nepi. 

 

Copyright© 2018 - Tutti i diritti riservati

InAgroFalisco è un progetto di Robin Network S.R.L.S. - P. IVA 14383081008 | Sede legale Via Eleonora Duse 53, Roma

E-mail: info@inagrofalisco.it

Please publish modules in offcanvas position.